TORTA APROTEICA BELLA E BUONA!

TORTA APROTEICA BELLA E BUONA!

Mi rendo conto che difficilmente ci fermiamo a valutare il giusto peso delle cose. Diamo tutto per scontato. Finchè qualcosa non ci porta a fare un passo indietro (o forse avanti..), fermarci, riflettere, considerare, rivalutare. E così, ripensandoci, capisco sempre di più di essere una donna fortunata perché la vita mi costringe sempre a guardare avanti, ad imparare qualcosa di nuovo, ad accettare sfide che sembrano impossibili e, invece, come diceva Walt Disney se puoi sognarlo, puoi farlo!

Un sogno piccolino: una torta bella e buona!

I sogni dei bambini sono semplici, fatti di colori e desideri, e quando una bambina ti chiede di realizzare il suo sogno più grande, non puoi che mettere in campo competenze, pazienza e fantasia per accontentarla!

La mia piccola amica sogna di mangiare una fetta di torta come tutti gli altri bambini. Un sogno semplice, vero? In realtà è stata la sfida più complessa che ho dovuto affrontare, finora! Perchè la mia dolce amica ha una malattia genetica rara, la fenilchetonuria o PKU, potete leggere qui di cosa si tratta, che la costringe ad una dieta alimentare ferrea, dove sono praticamente bandite le proteine. E vi dico la verità, non si capisce quanto sono fondamentali le proteine in una torta finché non si ha a che fare con un dolce aproteico!

Mi fermo, rifletto, considero, rivaluto.. niente proteine vuol dire niente latte, niente uova, niente formaggi, niente farina 00, niente di niente praticamente! E come si fa una torta col niente?!?!? Soprattutto, come si fa una torta buona fatta di niente?!?! Inizio a fare ricerche e mi rendo conto che c’è poco sull’argomento, mi viene in aiuto la mamma della mia piccola sognatrice e mi suggerisce alcune ricette vegane riadattate, comincio una serie di prove, fatte di farine aproteiche, zuccheri, frutta, pesi e valutazioni: è una grande responsabilità, stiamo parlando di una malattia genetica che può avere complicazioni gravi, ma la responsabilità maggiore è quella di fare felice la mia amichetta, creando per lei una torta aproteica identica alla torta che mangeranno tutti gli altri invitati alla sua festa! E sapete che i bambini sono dei giudici molto, molto severi!!

Nel frattempo spunta un piccolo esercito di unicorni a farmi compagnia mentre inforno e sforno prove su prove! Sbattono le loro lunghe ciglia e una polvere magica cade sulle mie torte: ecco apparire due muffins aproteici dall’aspetto gustoso e invitante! Un piccolo unicorno agita la coda multicolore ed è di nuovo magia: la tortina aproteica lievita e cuoce in forno con un delizioso profumo di agrumi!

La ricetta della torta aproteica all’arancia

300 gr di farina aproteica (sostituitela con farina 00)
150 gr di zucchero semolato
100 gr di olio di semi
120 gr di acqua
1 arancia (buccia più succo)
1 bustina di lievito
1 uovo (circa 15 gr di tuorlo e 30 di albume)
qualche goccia di estratto di vaniglia

Per questa dose io ho utilizzato due teglie piccole da 16 centimenti, rivestite di carta forno e ho ottenuto due tortine del totale di circa 700 grammi.

Mescolate il succo di arancia con l’olio e l’acqua.
Sbattete l’uovo con un cucchiaio di acqua calda, poi unite lo zucchero e sbattete a lungo. Unite poi gradualmente i liquidi alternandoli con cucchiaiate di farina mescolata col lievito setacciato (se usate farina 00 potete setacciarli insieme). Aggiungete la buccia d’arancia e, se volete, la vaniglia. Infornate nel forno ben caldo a 180° e lasciate cuocere per almeno 40 minuti. Prima di sfornare fate la prova dello stecchino al centro della torta, non avendo dimestichezza con la resa delle farine aproteiche ho dovuto controllare diverse volte la cottura. Alla fine ho ottenuto due belle torte ben dorate in superficie, molto soffici e non troppo gommose! Le ho farcite con panna vegetale, bagna alla fragola e fragole della Sicilia (eh si, fuori stagione ma.. se la festeggiata ordina, la festeggiata ottiene anche le fragoline!), creando così una tortina praticamente identica alla torta più grande!

Ho utilizzato poi lo stesso impasto anche per due sofficissimi cupcakes! … e una volta decorati cupcakes e torte, sfido chiunque a riconoscere i dolci aproteici dagli altri dolci! Direi che stavolta il sogno è stato realizzato alla grande!

Mi rendo conto di essere davvero fortunata, perché realizzare i desideri dei bambini è proprio il lavoro più dolce e magico del mondo!

Alessandra

ps: Non aspettate che le malattie genetiche bussino alla vostra porta per informarvi e, soprattutto, per sostenere la ricerca! I sogni dei bambini per un futuro migliore possiamo realizzarli solo noi!

logo La sodi Cake Design
  • Twitter
  • Facebook
  • Pinteresthttps://www.pinterest.com/alessandrasodi/
  • Google+https://plus.google.com/110739317005820379854/posts

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

 

Iscriviti alla newsletter, per ricevere aggiornamenti su corsi, eventi, novità e ricette, tutto da gustare e condividere!

You have Successfully Subscribed!

About Author

La Sodi Cake Design

La Sodi Cake Design


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

LA MIA GALLERIA Flickr
SEGUIMI SU ISTAGRAM!

    Pin It on Pinterest