TORTINE DI CAROTE: LA MERENDA DEI RICORDI!

TORTINE DI CAROTE: LA MERENDA DEI RICORDI!

La ricetta delle tortine di carote, tanti ricordi e due chiacchiere sugli olii

Credo d’averlo detto più di una volta: io sono per le cose homemade, per i dolci fatti in casa e le merende semplici che hanno i sapori di una volta, tipo pane e marmellata di quando eravamo bambini, o pane e zucchero e olio o una bella fetta di ciambellone, quello fatto dalla mamma con la tecnica del quanto basta, ad occhio, giusto un po’, il dolce che proverò a rifare tutta la vita, usando la stessa identica ricetta, eppure non verrà mai buono come lo faceva lei! Sarà che i ricordi danno sapore alle cose, sarà che restiamo comunque legati a cibi che ci riportano indietro in un tempo allegro e spensierato quando non c’era tutto questo abuso di merendine preconfezionate, sarà che quando ero piccola io una merendina era l’eccezione e non la regola, e se ti offrivano una girella o un buondì, ti sembrava di poter mangiare chissà quale cosa speciale, sarà un po’ di semplice nostalgia ma non vi nascondo che a volte ho la tentazione di comprare queste colorate merendine che profumano d’infanzia, quasi più per affetto che per fame! La verità però è che non riesco più a mangiare snack così saturi di dolcezza e allora mi dedico ad impastare e sfornare dolcetti che in qualche modo mi ricordano quelle merendine: come dimenticare le prime camille?! Le tortine di carote altro non sono che la versione casalinga delle più famose sorelle commerciali, la differenza? Sono molto più buone, secondo me, e assolutamente salutari! Provatele, con questa dose sfornerete  almeno una trentina di tortine di carote grandi (della dimensione degli stampini dei muffins, per intenderci), che potete tranquillamente congelare e tirar fuori.. in ogni momento della giornata!

carote e tortine di carote
  • Twitter
  • Facebook
  • Pinteresthttps://www.pinterest.com/alessandrasodi/
  • Google+https://plus.google.com/110739317005820379854/posts
La ricetta delle tortine di carote

Ingredienti
250 gr di carote
3 uova
100 gr di farina di mandorle
200 gr di farina 00
100 gr di succo d’arancia
80 gr di olio di semi
200 gr di zucchero a velo
1 bustina di lievito
1 scorza d’arancia grattugiata
1 pizzico di sale

Frullate le carote con l’olio e il succo di arancia. Montate le uova con lo zucchero a velo setacciato, fino ad ottenere un bel composto cremoso, quindi aggiungete la farina 00 setacciata con lievito e sale, la scorza d’arancia grattugiata, amalgamate il tutto e unite anche il composto con le carote. Aggiungete infine la farina di mandorle, mescolate bene e riempite gli stampi da muffins, di due terzi abbondanti di impasto. Lasciate cuocere le tortine di carote nel forno ben caldo a 180° statico per una ventina di minuti, controllate che siano dorate in superficie poi sfornate e, se volete, spolverate di zucchero a velo prima di servire o lucidatele spennellandole con della marmellata.

particolare delle mini tortine di carote
  • Twitter
  • Facebook
  • Pinteresthttps://www.pinterest.com/alessandrasodi/
  • Google+https://plus.google.com/110739317005820379854/posts
Tortine di carote con olio di semi: quale utilizzare

Ciò che rende particolarmente gustose e salutari queste tortine di carote è la scelta degli ingredienti, uno su tutti, l’olio di semi. Come sapete, gli olii vegetali derivano da semi, legumi, arachidi e alcuni frutti: se volete conoscerne meglio le caratteristiche e qualità vi suggerisco di leggere questo articolo dell’Eufic – The European Food Information Council, con moltissime indicazioni utili sulla composizione dei vari olii e una scheda informativa sul loro utilizzo.

Per quanto riguarda i dolci si può usare l’olio extravergine d’oliva, di mais, di girasole, di riso. Ovviamente l’olio evo (Extra Vergine d’Oliva) ha un gusto e un sapore decisamente più intensi rispetto ad olii come girasole e mais, che normalmente io preferisco (tranne quando sforno un buon semplice ciambellone dove il profumo fruttato di alcuni evo è davvero piacevole da gustare!). Essendo l’olio un alimento di origine vegetale, non contiene colesterolo e possiede grassi buoni, quindi mi piace alternare nella preparazione dei miei dolci sia l’olio che un buon burro (a parte alcune eccezioni, come ad esempio la margarina e la vanillina, bandite da casa mia, niente secondo me fa male se utilizzato con moderazione!).

Se nei dolci volete sostituire il burro con l’olio ricordatevi che 100 grammi di burro corrispondono a 80 grammi di olio.

E così, mentre il profumo delle tortine di carote mi riempie la testa di ricordi, vi auguro buon weekend, e non dimenticate di seguire la mia rubrica di Ricette se volete sperimentare qualche dolcetto facile facile per la merenda del fine settimana!

Alessandra

logo La sodi Cake Design
  • Twitter
  • Facebook
  • Pinteresthttps://www.pinterest.com/alessandrasodi/
  • Google+https://plus.google.com/110739317005820379854/posts

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

 

Iscriviti alla newsletter, per ricevere aggiornamenti su corsi, eventi, novità e ricette, tutto da gustare e condividere!

You have Successfully Subscribed!

About Author

La Sodi Cake Design

La Sodi Cake Design


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

LA MIA GALLERIA Flickr
SEGUIMI SU ISTAGRAM!

    Pin It on Pinterest